Vetro stratificato o laminato

Vetro stratificato o laminato

Vetro stratificato

Veneto Vetro è dotata di un innovativo impianto in grado di produrre un vetro stratificato con due o più lastre  piane o curve. Vengono utilizzate diverse tipologie di intercalari: PVB trasparente o colorato, plastici rigidi e anti-uragano come Sentry Glass (SG) e DG41, reti, interlayer a cristalli liquidi per la privacy e plastici a controllo solare.

Lo scopo è ottenere un prodotto ad alte performance in termini di resistenza termica e strutturale.

Grazie alla combinazione di diverse tipologie di vetro, stampe e plastici, si ottengono soluzioni estetiche particolari. Veneto Vetro è alla ricerca continua di prodotti innovativi per accompagnare architetti e progettisti nell’applicazione di nuovi stili. È possibile stratificare il vetro con i materiali più originali: reti metalliche, tessuti di varia natura o fibre organiche.

Il vetro stratificato o laminato è un vetro di sicurezza non si frantuma in caso di rottura. Lo strato intermedio – tipicamente di polivinilbutirrale (PVB) – tiene uniti gli strati di vetro. In caso di rottura il vetro rimane nella sua sede, preservando l’incolumità di persone e oggetti vicini.

Il PVB utilizzato è per lo più trasparente, ma su richiesta può essere colorato o con finitura acidato o biancolatte. La stratificazione produce effetti di tipo estetico, ma anche funzionali. L’utilizzo di un particolare interlayer con proprietà fonoisolanti – PVB antirumore – crea un effetto di isolamento acustico.

Vetro Stratificato o laminato: i materiali

Veneto Vetro utilizza materiali di ultima generazione, in linea con le più recenti evoluzioni della tecnica vetraria.

Il Sentry glass (SG)  è un interlayer conosciuto come “plastico anti-uragano”. Offre un’alta resistenza post-rottura e riduce al minimo il rischio di cedimento progressivo. Questo plastico particolare ha svariati utilizzi. La sua trasparenza è maggiore rispetto al vetro stratificato tradizionale (per una trasparenza ottimale è consigliato l’utilizzo di vetri extrachiari).

Il vetro stratificato con SG resiste ad una sollecitazione meccanica due volte superiore a quella sopportata dal vetro stratificato tradizionale. Ha una rigidità quattro volte superiore a seconda delle condizioni di carico e di sostegno. In caso di esposizione del vetro al calore solare prolungato, il vetro stratificato con SG ha una perdita di rigidità inferiore, con la riduzione di deformazioni e cedimenti in numerose applicazioni.

Il Sentry Glass ha inoltre un’eccezionale resistenza all’umidità e stabilità sui bordi. Durante il processo di stratifica è possibile inserire parti metalliche direttamente nel vetro stratificato. Nelle applicazioni di vetro strutturale tale procedimento permette l’utilizzo di un metodo di fissaggio alternativo, che evita fori o borchie passanti.

Un intercalare speciale è:
EVA: una materia plastica diversa dal PVB, diventa plastica e morbida quando viene sottoposta a riscaldamento, il che permette l’inserimento, tra due o più intercalari, di vari materiali come elementi decorativi, reticoli metallici, pellicole in PET, supporti per immagini, fibre tessili o celle fotovoltaiche. Resiste bene al riscaldamento e all’umidità.

Share This Post